Codice
9788892114562
Reparto
Argomento
Autore
Editore
Tipologia
Libri
Data pubblicazione
10 mar 2018
Collana
Pagine
281

FLESSIBILITA' E SICUREZZA DOPO IL JOBS ACT

Sottotitolo
La flexicurity italiana nell'ordinamento multilivello
38,00 €
Condividilo on-line
Il volume affronta il tema della flexicurity a circa un decennio dal varo dei «Principi comuni» da parte dell’Unione europea. L’obiettivo è quello di misurare distanze e influenze rispetto a quella formulazione, con lo sguardo rivolto in particolare alle più recenti riforme del diritto del lavoro italiano (il cd. Jobs Act).
La tesi principale sostenuta nel libro è che l’approccio europeo di flexicurity consente declinazioni diverse del binomio di flessibilità e sicurezza nei diritti nazionali del lavoro e che la variante scelta dal legislatore italiano costituisce una tra quelle possibili, peraltro non del tutto rispondente ai pur vaghi principi stabiliti nel 2007.
Dopo una comparazione tra riforme italiane e tedesche in materia, l’autore non manca di interrogarsi, a chiusura del volume, su un aspetto di attualità: se la flexicurity costituisca una strategia adatta ad affrontare le sfide del cd. “Lavoro 4.0”. E dà una risposta affermativa.
Salva pagina in PDF Salva pagina in PDF