Codice
9788892109407
Reparto
Argomento
Autore
Editore
Tipologia
Libri
Data pubblicazione
1 lug 2017
Collana
Pagine
260

IL LAVORO A TERMINE TRA MODELLO EUROPEO E REGOLE NAZIONALI

Prezzo di listino 34,00 €
Prezzo a te riservato 32,30 €
Condividilo on-line
Oggetto privilegiato del dialogo tra Corte di Giustizia e giudici interni (per la necessaria e uniforme applicazione del diritto dell’Unione), la regolazione del lavoro a termine nell’ordinamento multilivello è un esempio paradigmatico della reciproca “infiltrazione” tra diritto sociale dell’Unione e diritti nazionali. Nella prima parte del volume la ricerca mira a costruire un proto-modello europeo di lavoro a termine, le cui componenti si possono trarre dalla rilettura dell’Accordo quadro allegato alla direttiva n. 99/70, fatta alla luce della giurisprudenza della Corte di giustizia, che insiste soprattutto sul principio di effettività. Per i giudici e i legislatori nazionali, questo modello è il parametro di controllo della conformità delle normative interne ai vincoli europei. Proprio al confronto tra il proto-modello europeo e la disciplina italiana è dedicata la seconda parte dell’indagine, con l’esame delle disposizioni sul lavoro a termine: limiti numerici e quantitativi d’impiego di lavoratori a termine (derogabili dalla contrattazione collettiva); principio di parità di trattamento coi lavoratori a tempo indeterminato; apparato sanzionatorio. Vengono qui segnalati sia i punti di convergenza sia le difformità tra gli ordinamenti – superabili queste ultime grazie al canone dell’interpretazione conforme – sia infine veri e propri contrasti tuttora aperti
Salva pagina in PDF Salva pagina in PDF