Codice
9788891631022
Reparto
Autore
Editore
Tipologia
Libri
Data pubblicazione
3 dic 2018
Collana
Pagine
184

STORIE, PAROLE, ESPERIENZE PER CONDIVIDERE LA CURA DELLE PERSONE FRAGILE

Prezzo di listino 20,00 €
Prezzo a te riservato 19,00 €
Condividilo on-line
Scrivere di fragilità. A partire dalle storie delle persone che assistiamo e dalle nostre. Riflettere sulle parole che usiamo, perché la cura è intessuta delle parole che la raccontano. Capire se i termini sintetici, professionali e pieni di significato della lingua degli operatori trovano corrispondenza nel vocabolario di pazienti e cittadini, o se invece provocano disorientamento e allontanamento. In una comunicazione asimmetrica, uno degli attori del colloquio, spesso proprio quello che porta lo zaino più pesante, fa molta fatica, deve arrampicarsi in salita e viene lasciato indietro. Occorre creare un collegamento dentro-fuori: fra strutture, istituzioni e città, casa e vita. Costruire ponti, passerelle, facilitazioni per viaggiare da un mondo a un altro, da un lessico a un altro, da una cura all’altra.Promuovere lo spirito positivo della conoscenza, e la possibilità di crescita culturale dei malati e dei loro famigliari, per favorire l’adozione di corretti stili di vita e la partecipazione attiva alle decisioni terapeutiche.Scegliere quindi parole che influenzino la capacità di apprendere. Accettare la difficoltà a esprimere il bisogno di salute o comprendere la propria condizione di fragilità, di malattia o disabilità e avere di conseguenza la capacità di affrontarla e di viverla consapevolmente. Questa capacità, definita health literacy, scorre su un doppio canale d’azione: il primo è rafforzare le competenze di salute, l’alfabetizzazione sanitaria dei cittadini, soprattutto quelli delle fasce più deboli; il secondo è promuovere fra i medici, gli operatori sanitari e sociali e fra i caregiver la capacità di ascolto, di empatia e di buona comunicazione.Capirsi fa bene alla salute, di tutti.
Salva pagina in PDF Salva pagina in PDF