Codice
9788891619051
Editore
Tipologia
Libri
Data pubblicazione
19 ott 2016
Pagine
202

BULLISMO E CYBERBULLISMO

Sottotitolo
- Prossimità e polizia giudiziaria in ambito minorile - Ruolo della polizia locale ed elementi utili per le unità operative
Prezzo di listino 30,00 €
Prezzo a te riservato 28,50 €
Condividilo on-line
Il testo vuole essere un aiuto concreto per tutti coloro che desiderano compiere un salto di qualità nelle attività di Polizia Locale. In queste pagine sono descritti l’approccio di Prossimità ed in particolare il metodo relazionale.
Si pone particolare attenzione al mondo dei minori, considerati sia nell’ambiente scolastico che al di fuori di esso; si approfondiscono i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, visti come portatori di disagio per i ragazzi e le loro famiglie ma anche come opportunità di sperimentare “un mondo nuovo”.
Si approfondisce la metodologia di giustizia riparativa, che ha l’obiettivo di responsabilizzare i ragazzi e di aiutarli ad affrontare i propri disagi.
Si spiega come gli operatori di Polizia Locale possano diventare la “scintilla” in grado di ricreare legami personali tra i cittadini e far “rinascere la comunità” all’interno del quartiere di una grande città o di un piccolo centro urbano, facendo riscoprire i legami di solidarietà e di condivisione tra i cittadini e anche tra associazioni e istituzioni.

Parte I - I volti della sicurezza
1. Sicurezza, paure e insicurezze
2. Paura, aggressività sociale e microcriminalità
3. I conflitti e i metodi di risoluzione
4. Il ruolo della Polizia locale
Parte II - Prossimità
1. La storia del termine e del concetto
2. La filosofia alla base
Un approccio "equiprossimo"
L'ascolto
La focalizzazione sul problema: risalire alle radici del conflitto
La rete: Community Conferencing, le istituzioni e le associazioni di territorio. Essere presenti sul territorio
Creatività, inventiva e malleabilità
Sicurezza partecipata
3. Gli ambiti di intervento
Prevenzione o prevenzioni?
Qualità urbana
Convivenza civile
Il vasto campo degli allarmi sociali
Parte III - Elementi utili per le unità operative
1. Operatori volontari, capacità empatiche e di relazione
2. Conoscenza del territorio, orecchie dritte e formazione costante
3. Mutare insieme alle richieste
4. Tessere la rete ed affidarvisi come osservatorio del mutamento
Parte IV - Minori, ambiente di vita, spazi urbani
1. Il panorama
Bullismo e cyberbullismo
La regola come risorsa: Polizia locale e Polizia giudiziaria
2. Le aree di intervento
Rapportarsi col minore
L'area extrascolastica
• Caso particolare: le aggregazioni giovanili disturbanti
L'area scolastica
• Perché entrare nelle scuole?
• I progetti didattici
• Le inadempienze scolastiche
• La formazione degli adulti e l'osservatorio del disagio
3. Prossimità e Polizia giudiziaria in ambito minorile
Finestra teorica: la giustizia riparativa
Il contrasto al bullismo: l'approccio di Torino
• Le fasi tipiche
L'apertura del caso
Dall'analisi del contesto alla responsabilizzazione
L'attività riparatoria
L'incontro di ricomposizione
Dopo la ricomposizione
• La rete, la focalizzazione sul problema: il Protocollo d'Intesa
• La lezione di Torino
• La creazione della comunità
• Prevenzione e costi pubblici
• Oltre la giustizia riparativa
Appendice
1. Protocollo d'intesa interculturale tra la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni del Piemonte e della Valle d'Aosta, l'Asai (Associazione di animazione interculturale) e la Polizia municipale di Torino
2. Modello di delega per infraquattordicenni
3. Riflessioni e suggerimenti emendativi sulle proposte di legge C. 3139 a cura dll'associazione Cammino, firmato presso la Camera dei deputati il 18 gennaio 2016
Salva pagina in PDF Salva pagina in PDF