CONCORSO IN MAGISTRATURA 2024

CONCORSO IN MAGISTRATURA 2024

MANUALE BREVE DI DIRITTO PENALE 2024

MANUALE BREVE DI DIRITTO PENALE 2024

LE IMPOSTE SUI REDDITI NEL TESTO UNICO 2024 in 2 Tomi di Leo Maurizio

Prezzo di listino 225,00 € Prezzo a te riservato 213,75 €

TipologiaLibri

Autore: Leo Maurizio

EditoreGIUFFRE

Pagine3000

Data pubblicazione20 giu 2024

Reparto: Fisco , LIBRI

Argomento: Imposte dirette

SKU/ISBN:  9788828853169

***IN USCITA A GIUGNO***
La struttura del Testo Unico sulle imposte sui redditi
Con riguardo alle imposte sui redditi, stando alla Proposta, il nuovo Testo Unico dovrebbe comporsi di sette titoli e «raccogliere, sistematizzare ed integrare le disposizioni [contenute nel D.P.R. n. 917/1986] con le disposizioni tributarie successivamente emanate e non confluite nel corpo dello stesso TUIR». Di questi sette titoli:

il Titolo I, dedicato alla «Imposta sul reddito delle persone fisiche», dovrebbe essere suddiviso in sette capi, di cui il Capo IV dedicato ai redditi di lavoro dipendente e suddiviso in due sezioni. La Sezione I dovrebbe includere le disposizioni relative a redditi di lavoro dipendente e assimilati, mentre la Sezione II le disposizioni relative ai lavoratori frontalieri;
il Titolo II, dedicato alla «Imposta sul reddito delle società», dovrebbe articolarsi in cinque capi, ordinati e composti in ragione della natura commerciale e non commerciale delle società e degli enti. In particolare, i Capi II e III dovrebbero riguardare la tassazione delle società e degli enti commerciali residenti e non residenti, mentre i Capi IV e V la tassazione degli enti non commerciali residenti e non residenti;
il Titolo III, intitolato «Disposizioni comuni», dovrebbe comporsi di sei capi, di cui il Capo III dovrebbe racchiudere la disciplina in materia di disallineamenti da ibridi;
il Titolo IV, intitolato «Disposizioni speciali ai fini delle imposte sui redditi», dovrebbe articolarsi in nove capi ed attrarre le disposizioni che prevedono specifici regimi di determinazione del reddito. Ex plurimis, l'Agenzia delle Entrate menziona il regime forfettario per le persone fisiche esercenti attività d'impresa, arti o professioni, la disciplina fiscale delle società di comodo e il regime fiscale delle imprese marittime;
il Titolo V, dedicato ad «Altre disposizioni in materia di imposte sui redditi», dovrebbe essere un titolo residuale, quindi raccogliere la normativa vigente negli ambiti del riallineamento, della trasformazione in crediti d'imposta delle attività per imposte anticipate, delle perdite attese su crediti verso la clientela iscritte in sede di prima applicazione dell'IFRS 9, le disposizioni di interpretazione in materia di determinazione del corrispettivo per le cessioni di immobili e aziende e le disposizioni in materia di deducibilità IMU, alloggi sociali, fondi comuni d'investimento, strumenti finanziari;
il Titolo VI dovrebbe riportare le «Disposizioni in materia di imposizione minima»;
il Titolo VII, infine, dovrebbe attrarre le «Disposizioni temporanee, transitorie e finali» e articolarsi in quattro capi. Il Capo I dovrebbe includere la disciplina sul contributo dovuto dalle imprese energivore, mentre il Capo II la disciplina sulla imposta straordinaria sull'incremento del margine di interesse, il Capo III la disciplina transitoria delle svalutazioni e delle perdite su crediti degli enti creditizi e finanziari e delle imprese di assicurazione e il Capo IV le disposizioni transitorie e finali, comprese quelle già presenti nel Titolo V del vigente TUIR.
Lo schema del nuovo Testo Unico sulle imposte sui redditi, insieme agli altri otto schemi, rimarrà in consultazione pubblica fino al 13 maggio 2024 e, segnatamente, fino all'emanazione da parte del Consiglio dei Ministri del nuovo Testo Unico delle imposte sui redditi definitivo, che dovrà avvenire entro quella data.

La nuova edizione dell'opera, aggiornata non solo alla Legge di Bilancio 2024 e al Decreto Milleproroghe 2024, ma anche ai decreti collegati alla riforma fiscale fin qui emanati, propone la sua struttura consolidata in oltre 30 anni e in quindici edizioni, con l’analisi sistematica di ogni articolo del TUIR, alla luce sia della numerosissima prassi dell'Agenzia delle Entrate che della giurisprudenza di legittimità e di merito, tenendo conto altresì degli approfondimenti forniti dalla più autorevole dottrina in materia di imposte dirette.

Particolare attenzione viene riservata all’esame degli importanti documenti di prassi emanati dall’Agenzia delle Entrate nel corso degli ultimi due anni, per dare risposta ai numerosissimi interpelli in materia di:

redditi di capitale,
di lavoro dipendente,
di impresa,
di operazioni straordinarie e di strumenti finanziari.
L’edizione 2024 si arricchisce di importanti novità grazie alla riforma fiscale, da ultimo il decreto sulle operazioni straordinarie (al momento non ancora emanato) che gli Autori sono già pronti a recepire per le importanti novità che emergeranno.
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:LE IMPOSTE SUI REDDITI NEL TESTO UNICO 2024 in 2 Tomi di Leo Maurizio
Il tuo voto
Salva pagina in PDF Salva pagina in PDF